Francesco Spadafora

Francesco Spadafora

Francesco Spadafora nasce a Cosenza nel 1962.
Vive a Firenza dal 1968 e nel dicembre del 1977 si trasferisce con la madre a Chicago, dove si appassiona per la fotografia.
Ad Aprile del 1978 ritorna a Firenze.
Nel maggio del 1978 le sue foto fanno la prima apparizione sulle pagine della cronaca di Firenze per il film Eutanasia di un amore con Tony Musante e Ornella Muti, diretto da Enrico Maria Salerno.
Nel 1980 entra a far parte, come fotografo, della rivista Calcio più diretta da Alberto Polverosi.
Dopo una lunga pausa, nel 1997, viene chiamato dal suo amico Giorgio Panariello sul set di Bagno Maria come fotografo di scena.
Nel 1998 entra nell’agenzia Fotocronache di Firenze (diretta da Riccardo e Roberto Germogli, suo maestro) come reporter di spettacolo: le sue foto appaiono sulle prime pagine de La Nazione, Il Resto del Carlino, Chi, Novella 2000.
Nel 2000 inizia la sua storia con i gatti.
La FIAF gli concede l’affisso come “Felix 2000”, allevamento amatoriale di gatti persiani.
Inizia a scattare le sue prime foto di gatti… e che orrori di foto!
Nel 2003 l’arrivo in ANFI con l’affisso “Giufrans” di Giuseppina e Francesco Spadafora. Sempre nel 2003 le sue foto vengono acquistate da aziende del settore come Eagle, Novafoods, Baldecchi, Shesir.
Il suo obiettivo principale, però, è un libro sui gatti.
Ormai possiede un immenso archivio fotografico che aggiornando quasi quotidianamente, ma vuole presentarlo anche al grande pubblico perché tutti possano ammirare le meraviglie feline che ha immortalato in questi anni.
L’incontro con l’editrice “Del Cigno”, che pubblica le sue foto sulla rivista “Ti presento il gatto”, gli dà modo di realizzare il suo sogno, per il quale deve ringraziare anche i vari comitati che l’hanno sostenuto nel suo progetto, la carissima amica Anna Brandi, Sandra Ferrini, Gianfranco Mantovani, Irma Porati, Maria Cristina Kowalczuk, Costanza Daragiati, Elena Bongi, Ronny Ciampoli e per finire Mario Ottino.